Get out of your Comfort Zone

Hello Everyone!

Oggi sono qui per presentare la mia rubrica. 

Per farlo però, avrò bisogno di raccontare qualcosa su di me (non preoccupatevi, sarò breve!) 

Molti anni fa, ma non troppi, in una notte fredda di gennaio, in un paesino sperduto nel mondo…scherzo!! Non sono nata in un paesino sperduto nel mondo, solo nella provincia romana!

La verità è che non serve sapere molte cose su di me, la più importante è che adoro viaggiare. Mi piace scoprire nuove culture, conoscere nuove città, restare affascinata dai tramonti ed innamorarmi ogni volta di un posto diverso. Negli ultimi sei anni ho sempre vissuto con la valigia pronta, a 18 anni sono andata a vivere in Abruzzo per frequentare l’università dividendomi tra la casa della mia famiglia a Roma e i miei amici. Poi, sono tornata a casa dei miei per proseguire gli studi a Roma, qui, con l’università ho avuto la grande opportunità di girare, vedere città nuove e vivere all’estero. Una caratteristica comune dei viaggi che ho fatto però, è sempre stata una: la disorganizzazione. Esatto. La mancanza quasi completa di un itinerario da seguire, al massimo si è deciso cosa fare la sera per la mattina.

A questo punto la domanda sorge quasi spontanea: quale mai potrà essere la mia utilità in questo blog? Di certo non starò qui a scrivere un programma di viaggio giornaliero per sapere esattamente cosa fare. Piuttosto, se vorrete andare a New York a fare un bel giretto per Central Park, vi suggerirò di portare una cartina dietro, perché potreste entrare nel parco e dopo un’ora, convinti di averlo attraversato, scoprire di essere tornati al punto di partenza!

Ma allo stesso tempo vi direi ma sì, è bello anche perdersi per Central Park, perché no? (di giorno però eh).

Vi parlerò dei locali strani di Lisbona, dei posti assolutamente da non perdere, oppure dove mangiare il più buon Pastel de Nata.

Insomma, vi racconterò un po’ la mia esperienza, attraverso i miei #Viaggi Disorganizzati.

Ogni viaggio porta con sé un ricordo, un sapore, un odore, per me si porterà sempre dietro una canzone, e proprio per questo cercherò di farvi conoscere ogni luogo tramite i miei ricordi e tramite la musica. 

Quindi, vi lascio con la canzone dei Mumford&Sons inserita in alto all’articolo perché sento che mi possa descrivere al meglio ( se avete già premuto “play” sul banner, sicuramente conoscerete qualcosa in più di me).

A presto,

Chiara.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...