“Ricordi come opere d’arte” sparse nel mondo

Hola a todos! Mi chiamo Giovanna e ho 25 anni. Sono nata in Puglia, e 40 giorni dopo la mia nascita avevo già fatto i miei primi 1000 km per trasferirmi a vivere in Piemonte, praticamente dall’altra parte dell’Italia. Beh, questo già te la dice lunga. 

I viaggi frequenti mi accompagnano da tutta la vita e per svariate ragioni, portandomi ancora dal Piemonte alla Puglia, dalla Puglia al Piemonte, dal Piemonte all’Abruzzo, dall’Abruzzo alla Puglia dalla Puglia al.. Ok, ci siamo capiti. 

Dopo essermi iscritta all’università ho avuto l’opportunità di fare esperienze all’estero, prima in Spagna e poi in Slovenia, per poi finalmente stabilirmi a Milano, dove mi sono laureata in Turismo, Territorio e Sviluppo Locale (insieme a Francesca, che hai conosciuto qualche giorno fa; se ti sei pers@ il suo articolo, clicca qui).

Questo mio continuo vagare mi ha permesso di crescere imparando ad amare le diversità, a ricercarne sempre di nuove per saziare la mia irrefrenabile fame di conoscenza del mondo. Rappresenta allo stesso tempo il motivo per il quale, ad oggi, credo che nessun posto in particolare ospiti realmente le mie radici. Ogni luogo in cui ho vissuto costituisce un pezzo di me, unico ed insostituibile. La mia casa è dentro la mia valigia, nelle cose che amo fare e nelle persone a cui voglio bene. La mia testa è perennemente in viaggio, nel tempo e nello spazio.

Il periodo trascorso in Spagna ha segnato un prima e un dopo. Sono partita già innamorata di lei e con un B2 fra le mani; sono tornata con un C2, totalmente cambiata ma ancora più innamorata. 

Milano, invece, mi ha dato modo di riscoprire nuove passioni, tra cui l’arte. Intendiamoci, non mi ritengo assolutamente un’esperta, e solo qualche anno fa non avrei neanche immaginato di scrivere queste parole, dati i miei trascorsi assolutamente privi di entusiasmo davanti ai libri di storia dell’arte. Ma si sa, nella vita si cresce e si cambia. Frequentando, per lavoro, i musei di Milano, si è riaccesa la fiammella che alimenta il mio animo artista, portandomi, ad oggi, a volerne sapere sempre di più e condividere i risultati dei miei approfondimenti.

Dall’unione tra la mia sconfinata passione per la Spagna e la curiosità per i musei, ecco che nasce #OnceMuseos, la rubrica attraverso la quale potremo osservare insieme 11 musei di 11 città diverse del mondo. Un appuntamento mensile durante il quale cercheremo di dare uno sguardo (totalmente amatoriale) non solo a ciò che ospitano, ma anche all’identità che trasmettono, alle iniziative che propongono (soprattutto durante questo assurdo periodo) e alla loro importanza per la città in cui si collocano, cercando di ottenere così un’idea che sia più completa possibile, che permetta di far rivivere una visita o (mi auguro) desiderare di poterla svolgere quanto prima. 

Non è tutto. Durante questo giro turistico a spasso per il mondo, non saremo soli. Eh già, un piccolo terzo incomodo si unirà a noi e ci toccherà sopportarl@! 

Chissà, magari a volte aggiungerà valore al nostro viaggio, altre probabilmente farà un po’ come gli pare. Ad ogni modo, se continuerai a seguirmi, avrai modo di conoscere presto la sua identità. 

Bene, ora ti devo lasciare, vado a preparare il necessario per cominciare. Tu però aspettami lì, eh. Non ci metterò molto! 

Besos

Giovanna

Citazione del titolo tratta da Stefano Colucci, “Ogni parte di te è arte per me”, p.251, Wonderlart, 2020

3 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...