đź’ˇ ~ Dove andiamo in vacanza domani?

đź’ˇ ~ Categoria sostenibilitĂ  e informazione

Ciao viaggiatori!

Eccoci di nuovo insieme, questa volta per scoprire alcune curiositĂ  che legano turismo e cambiamento climatico. Sebbene, solitamente, il collegamento a saltare in mente si limiti a quello dell’influenza che il climate change può avere sul fenomeno turistico, posso dirvi con certezza che l’incidenza avviene anche in senso opposto. Forse in modo meno intuitivo da comprendere, ma è così. 

Concentriamoci, però, su un aspetto alla volta, altrimenti facciamo confusione 🥴 oggi vi parlerò di un “verso” della relazione, prossimamente la vedremo anche dall’altro punto di vista!

Cambiamento climatico → Turismo

Stagioni, temperature, venti ed agenti atmosferici stanno diventando sempre più estremi, di questo ce ne possiamo rendere conto senza metterci a indagare e studiare sulle riviste scientifiche. Considerando tali alterazioni a scala globale, ci rendiamo conto che ogni luogo andrà incontro a climi differenti, modificando, quindi, anche la nostra storica percezione di essi! Se abbiamo sempre immaginato le Isole Baleari come meta balneare, beh, non dovremmo stupirci quando la prossima generazione preferirà dirigersi verso il Mare del Nord e sulle coste tedesche perché il sud del Mediterraneo diventerà troppo caldo e afoso per consentire di trascorrere piacevolmente le vacanze estive.

Simulazione condizioni turismo estivo secondo IPCC e Indice di Comfort Turistico ICT

In linea generale, il peggioramento (drastico, cui stiamo andando incontro) delle condizioni climatiche andrà a modificare l’offerta turistica e la competitività delle destinazioni. Per quanto riguarda il solo effetto dell’aumento della temperatura media, vedranno un miglioramento di comfort climatico Paesi quali Svezia, Ungheria, Gran Bretagna, Germania, Canada e Norvegia, che di conseguenza osserveranno incrementi negli arrivi turistici. Al contrario, gli Stati del Mediterraneo centrale e meridionale, quindi prevalentemente Portogallo, Spagna, Italia, Malta, Grecia, Paesi Balcanici (specialmente quelli che affacciano sulla costa) arriveranno ad avere un clima sempre meno favorevole e accogliente.

Ecco alcune delle altre cose che cambieranno nelle mete tipiche per…

  • Turismo invernale: diminuzione o maggiore irregolaritĂ  dell’innevamento nelle aree montane
  • Turismo naturalistico: degradazione del paesaggio e perdita di biodiversitĂ 
  • Turismo enogastronomico: perdita delle qualitĂ  che rendono unico il territorio di produzione di determinati alimenti o bevande

Per qualsiasi tipo di destinazione a cui voi siate più addicted, come vedete, esiste un’alta probabilità che le cose non rimangano come le conosciamo oggi. Sciare e fare snowboard, ma anche ciaspolare, fare sci di fondo o semplicemente passare un weekend in montagna richiederà il raggiungimento di aree sempre più alte e per periodi di tempo più ristretti: la stagione invernale si accorcerà notevolmente. Ancora, di questo passo potrebbe essere difficile sperare di vedere un paesaggio nell’armonia dei suoi elementi, perché questi potrebbero presto essere intaccati da qualche evento estremo (oltre che direttamente per mano dell’uomo, ma non siamo qui per parlare di questo, non oggi). Allo stesso modo, risentiranno le coltivazioni, le preparazioni, le produzioni dei prodotti enogastronomici: certo, si potrà intervenire dal punto di vista chimico o tecnologico per rimediare ad alcune perdite, ma assaggiare un prodotto “finto” non è certamente quello che vogliamo.

Se alcuni luoghi rischiano di (o meglio, stanno per) diventare poco piacevoli dal punto di vista climatico, altri rischiano di scomparire totalmente o in parte. Si tratta, infatti, delle isole e di molte aree costiere che subiranno l’innalzamento del livello del mare

Conosciamo già benissimo alcuni esempi di questo fenomeno: in Italia, Venezia, ne è l’esempio più lampante. Ma anche questa volta vi chiedo lo “sforzo” di mettere il naso fuori di casa e di guardare all’estero non solo come destinazione dei nostri viaggi, ma anche come luoghi da salvaguardare. Come potete vedere nell’immagine che segue, la quale riesce a racchiudere una previsione dell’innalzamento entro fine secolo per tutto il mondo, ci saranno aree più o meno colpite. Per dirla in modo piuttosto semplice e riassuntiva, ci saranno aumenti del livello del mare fino ad un metro praticamente dappertutto, e addirittura superiori in alcune zone più delicate ed esposte (Texas e Georgia, India, Indonesia, Cina, Corea e Giappone, per non parlare delle varie isole nell’Oceano Indiano).

Previsioni innalzamento del livello con scenario RCP 8.5
Fonte: Report di Kopp et al., «Probabilistic 21st and 22nd century sea-level projections at a global network of tide-gauge sites», 2014

So che può sembrare tutto molto lontano, sia temporalmente che geograficamente parlando, ma in realtà dovremmo smettere di chiudere un occhio e far finta di niente, iniziando piuttosto ad prendere atto di ciò che sta succedendo.

Ci tenete a continuare a viaggiare, visitare, vivere altri posti del mondo che non siano esattamente casa vostra?

Io credo di sì… E sarò felice di farvi compagnia in questa crescita personale volta a migliorare i nostri comportamenti ed a porre attenzioni su aspetti a cui prima non facevamo caso. Pensate ad oggi, ma anche a domani: è fondamentale prenderci cura del nostro grande, caro mondo. Anzi, per dirla meglio, vi propongo le parole del comandante della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) Alexander Gerst del 2014: 

«La Terra è fragile e bellissima, e non abbiamo un pianeta B»

Se vi è interessato l’argomento, lasciate un commento qua sotto, contattatemi attraverso il sito o la nostra pagina Instagram.

#staysustainable #staytuned #comeunapolide

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...